RESP. SANITARIA - StarBene, "Temo che mia figlia possa farsi del male".

StarBene n° 9 del 14.02.2017 - Articolo dell'Avv. Salvatore Frattallone LL.M.

È in cura in un reparto di psichiatria per depressione grave con tendenza all'autolesionismo. Chi è responsabile della sua incolumità?  

(da StarBene n° 9 del 14.02.2017, rubrica: Sportello dei diritti del paziente, pag. 9)

«Lo psichiatra della struttura sanitaria che ha in cura tua figlia, perché è titolare di una ‘posizione di garanzia’ nei confronti della paziente: se sussiste un rischio concreto di condotte autolesive, per legge ha l’obbligo di mettere in atto specifiche cautele», spiega Salvatore Frattallone, Avvocato del Foro di Padova. «La stessa responsabilità è a suo carico anche se la paziente, come nel caso di tua figlia, non è sottoposta a ricovero coatto:

Leggi tutto

StampaEmail

RESP. SANITARIA - StarBene, "Lunghe attese all’ambulatorio dell’assistenza medica turistica".

StarBene n° 8 del 07 febbraio 2017 - Articolo dell'Avv. Salvatore Frattallone LL.M.

Dopo un incidente sugli sci, mi sono recata al pronto soccorso per i turisti, ma ho atteso ore perché il medico era assente. Poteva davvero allontanarsi?

(da Starbene n° 8 del 07 febbraio 2017, rubrica: Sportello dei diritti del paziente, pag. 12)

«Assolutamente no. Per la precisione, la condotta del medico prevede il reato di interruzione di un pubblico servizio, punibile ai sensi dell’art. 340 del codice penale. Affinché il reato sia riconosciuto, infatti, è sufficiente», spiega Salvatore Frattallone, Avvocato LL.M. del Foro di Padova, «che l’interruzione sia anche soltanto momentanea, purché di durata non irrilevante (per esempio pochi minuti), e come tale in grado di arrecare un effettivo pregiudizio alla concreta operatività della prestazione.

Leggi tutto

StampaEmail

RESP. SANITARIA - Starbene, "C'è da fidarsi ad acquistare i farmaci on line?"

StarBene n° 7 del 31.01.2017 - Articolo dell'Avv. Salvatore Frattallone LL.M.

Due mie colleghe dicono che su Internet si risparmia. Io sono scettica e penso che i medicinali in vendita online possano essere meno efficaci o addirittura pericolosi. È così?

(da StarBene n° 7 del 31.01.2017, rubrica: Sportello dei diritti del paziente, pag. 9) 

«Hai ragione. Il fenomeno dei medicinali contraffatti è di vaste dimensioni. Nel 2016 l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) ha dedicato all'analisi dei mercati illegali uno specifico studio, evidenziando che il 32% dei farmaci che viaggiano in rete non contiene principio attivo, il 20% ne contiene quantità non corrette, il 21,4% è composto da ingredienti sbagliati, il 15,6% ha corrette quantità di principi attivi ma un packaging falso, l'8,5% contiene alti livelli di impurità e contaminanti», spiega Salvatore Frattallone, Avvocato del Foro di Padova. «L'AIFA (Agenzia italiana del farmaco) ha perciò sottolineato che servono soluzioni internazionali di contrasto, per tutelare la salute pubblica, e il Consiglio d'Europa ha adottato la Convenzione MediCrime, che

Leggi tutto

StampaEmail

PENALE - 'Tv7 con Voi. Speciale sera' del 24.01.2017: 'Donne: come uscire dalla spirale della violenza'.

Violenza sulle donne. Frattallone a TV7 Triveneta

La sera del 24 gennaio 2017 l'Avv. Salvatore Frattallone LL.M. è stato ospite della nota trasmissione televisiva di 'TV7 con Voi - Speciale sera': la puntata è stata dedicata alla violenza sulle donne e condotta da Elena Cognito. Questo il video degli interventi del penalista (durata: 31' 42'').

StampaEmail

RESP. SANITARIA - Starbene, "Simulare un infortunio stradale è reato".

StarBene n° 6 del 24.01.2017 - Articolo dell'Avv. Salvatore Frattallone LL.M.

Una mia conoscente ha subìto un danno da incidente stradale e ora è casa in malattia. Ho il sospetto che abbia finto l’incidente. Nel caso, a quali conseguenze si espone?

(da StarBene n° 6 del 24.01.2017, rubrica: Sportello dei diritti del paziente, pag. 10) 

«Simulare un sinistro o un infortunio stradale per ottenere l'indennizzo assicurativo è un delitto previsto dall’art. 642 del codice penale e punito con la reclusione da 1 a 5 anni di reclusione. Se l’indennizzo è stato già incassato, la pena aumenta sino a 6 anni e 8 mesi», spiega Salvatore Frattallone, avvocato del Foro di Padova. «Si tratta di un reato di frode

Leggi tutto

StampaEmail

I più letti